Sabato, Nov 2021
Ciao Mondo 3!
"/gaming/games/captain-tsubasa-rise-of-a-new-champions-recensione-2020092613541/" />/gaming/games/captain-tsubasa-rise-of-a-new-champions-recensione-2020092613541/

Captain Tsubasa: Rise of a New Champions - Recensione

Indice articoli

captain_tsubasa_8a6c6.jpg

Chi come me è nato all'inizio degli anni 80 si è goduto a pieno il periodo d’oro degli anime in tv. Certo, molti di essi erano censurati e quindi abbiamo dovuti riguardarli da grandi ed in lingua originale sottotitolata per poterci capire davvero la storia. Questo tuttavia non è successo ad uno dei cartoni animati che più ha influenzato la voglia di fare sport di noi bambini di allora: Holly e Benji. E fra campi talmente lunghi che facevano vedere la rotondità terrestre, palloni che si ovalizzavano e sfondavano pareti di cemento, fatemi un attimo cogliere dalla nostalgia che inevitabilmente coglie i vecchi bacucchi come me, prima di iniziare a recensire Captain Tsubasa: Rise of a New Champions.

Pubblicità



20200911183638_1_49828.jpg

Holly si allena tirando i Rigori

Ho giocato a svariati titoli dedicati a Captain  Tsubasa. Il primo che io rammenti era totalmente in Giapponese ed era disponibile per Super Nintendo. In questo gioco non avevi molta modalità di azione, se non quella di far muovere i giocatori per un campo (non visibile, a prima vista si vedeva solo l’animazione del movimento del personaggio) fino a quando decidevi di passarla, tirare o incontravi un avversario. La bellezza di questo gioco era data dal doppiaggio originale, che faceva scoprire i nomi originali dei tiri a chi come me non aveva ancora capito come si chiamasse il tiro speciale di Holly-Tsubasa. Poi ricordo uno per Playstation sempre in giapponese, dove il cambio era finalmente visibile e voleva un po' imitare i primi Fifa dell’epoca, ovviamente con uno spirito totalmente diverso. Ma perché questo richiamo storico? Lo scopriremo più in la nella recensione. Quando avviamo il gioco ci ritroviamo in una schermata che offre diverse modalità. La prima e forse la più interessante è quella della modalità “carriera”. Una volta scelta, ci verrà proposto di vivere la storia di Tsubasa all'ultimo anno delle medie, oppure la modalità New Hero dove potremo creare il nostro personaggio secondo i nostri gusti modificandone l’aspetto in maniera approfondita e facendolo poi partecipare con Tsubasa e gli altri ai mondiali giovanili. Le altre modalità presenti sono le partite singole ed il Multiplayer online, oltre l’immancabile “collezione” presente in ogni gioco di origine nipponica, dove potremo goderci tutti gli oggetti sbloccati, le musiche del gioco, le schede dei personaggi e molto altro ancora.

20200911192816_1_73514.jpg

Corsair

Articoli Correlati - Sponsored Ads